FAQ

1. Cos’è la luce UV

Basi dei raggi UV

La luce ultravioletta appartiene allo spettro elettromagnetico con una lunghezza d’onda compresa tra 200 e 400 nm (nanometri), che è più corta di quella della luce visibile, ma più lunga dei raggi X. Tutti i raggi e le bande UV sono invisibili all’occhio umano.

Lo spettro UV può essere suddiviso nelle seguenti bande:

  • UV-A (onde lunghe; 400 – 315 nm): usato per luci nere, abbronzatura della pelle, indurimento con inchiostro / resina.
  • UV-B (onde medie; 315 – 280 nm): usato per la terapia della psoriasi, può causare scottature solari, cancro della pelle.
  • UV-C (onde corte; 280 – 200nm): più efficace per la disinfezione germicida.
  • UV-V (UV sotto vuoto, inferiore a 200 nm): può produrre ozono nell’aria.

Tutte le lunghezze d’onda di cui sopra della luce UV sono emesse dal sole, ma solo le lunghezze d’onda più lunghe, UV-A e UV-B raggiungono la terra. I raggi UV-C, che sono la lunghezza d’onda più corta ma la più alta energia sono bloccati dallo strato di ozono.

Microrganismi inattivanti

Poiché i raggi UV-C sono bloccati dallo strato di ozono, i microrganismi non hanno sviluppato una difesa naturale contro l’energia UV-C. Quando il DNA di un microrganismo assorbe l’energia UV-C, si verifica instabilità molecolare, con conseguente interruzione della sequenza del DNA. Ciò rende la cellula incapace di crescere o riprodursi. Senza la capacità di riprodursi, la cellula non può infettare e muore rapidamente.

L’applicazione di energia UV-C per inattivare i microrganismi è nota come irraggiamento germicida o UVGI. È stato utilizzato per questo scopo sin dai primi del 1900. L’energia UV-C artificiale viene prodotta nelle lampade ultraviolette germicide che producono radiazioni UV ionizzando il vapore di mercurio a bassa pressione. Queste lampade sono simili alle tipiche lampade fluorescenti per uso domestico, ma non hanno il rivestimento fosforescente che trasmette la luce bianca morbida. La maggior parte delle lampade UV-C commerciali sono lampade al mercurio a bassa pressione che emettono energia UV a 253,7 nm, che è una lunghezza d’onda ideale per interrompere il DNA dei microrganismi.
Le lampade e i dispositivi UV-C vengono sempre più utilizzati in tutto il mondo in varie configurazioni e applicazioni per disinfettare acqua, aria e superfici.

Il dosaggio determina l’efficacia

La quantità di energia UV-C necessaria per inattivare un determinato microrganismo viene misurata in base alla dose, che è determinata da una combinazione di energia di irraggiamento e tempo di esposizione. Una differenza chiave tra inattivazione superficiale e inattivazione del flusso d’aria di microrganismi è il tempo di esposizione. Il tempo di permanenza nel campo UV per i microrganismi nel flusso d’aria è dell’ordine dei secondi e richiederebbe una dose UV-C molto più elevata rispetto a un’applicazione in superficie. Gli scienziati hanno determinato le velocità con cui varie popolazioni microbiche diminuiscono a causa dell’esposizione a fattori biocidi come l’irradiazione UV-C. Gli organismi differiscono nella loro suscettibilità all’inattivazione UV-C; in generale, i virus sono i più sensibili ai raggi UV-C seguiti da batteri con muffe e spore fungine che sono i meno sensibili.

L’irradiazione UV-C obbedisce anche alla legge inversa-quadrata della luce, dove l’intensità in un dato punto è inversamente proporzionale al quadrato della sua distanza dalla sorgente luminosa.

Basati sulla modellistica matematica, gli ingegneri hanno sviluppato programmi di modellizzazione computerizzata proprietari e di terze parti per stimare i tassi di disattivazione per i microrganismi bersaglio e successivamente progettare sistemi UV-C che disinfetteranno in modo efficiente ed efficace la situazione di aria, superficie o acqua di interesse

Effetto UV-C sui materiali

L’esposizione prolungata ai raggi UV può causare foto degradazione di materiali organici e sintetici. A causa della breve lunghezza d’onda, la trasmissività UV-C tende ad essere molto bassa per la maggior parte dei materiali; pertanto, la maggior parte del degrado fotografico può verificarsi solo sulla superficie immediata di un materiale e / o manifestarsi come sbiadimento o scolorimento. Il grado in cui un oggetto potrebbe essere suscettibile alla degradazione UV deve essere considerato in qualsiasi applicazione in cui l’esposizione può essere prolungata.

Sicurezza UV-C e limiti di esposizione

L’irradiazione germicida ultravioletta utilizzata per la disinfezione di acqua, aria e superficie è biocida per i microrganismi ma presenta anche rischi per la salute dell’uomo. Un’eccessiva esposizione ai raggi UV può provocare danni agli occhi sotto forma di foto cheratite e congiuntivite. Questi sintomi di solito compaiono entro 6-12 ore dall’esposizione ai raggi UV e si risolvono entro 24-48 ore. L’esposizione alle radiazioni ultraviolette può anche influenzare la pelle e causare eritema (arrossamento della pelle). La maggior parte dei raggi UV-C viene riflessa e assorbita dallo strato morto esterno della pelle umana, minimizzando così i raggi UV-C trasmessi attraverso lo strato epidermico.

CDC e NIOSH hanno raccomandato limiti di esposizione consentiti per diverse lunghezze d’onda UV. Per i raggi UV-C, a una lunghezza d’onda di 253,7 nm, il limite di esposizione raccomandato (REL) è di 6 mJ / cm2 per un turno di lavoro giornaliero di 8 ore. Si consiglia l’uso di adeguati dispositivi di protezione individuale (DPI) quando il personale può essere esposto alle radiazioni UV.

2. Come i raggi UV-C disinfettano?

I sistemi germicidi UV-C generano artificialmente una lunghezza d’onda di 254 nm di luce che distrugge il DNA dei microrganismi inclusi virus, batteri e muffe. Una volta disattivati, questi microrganismi non sono più in grado di riprodursi e crescere sulle superfici.

3. Quali sono i vantaggi dell’utilizzo di raggi UV-C

In applicazioni HVAC generali, UV-C viene utilizzato per inattivare i microrganismi ed eliminare l’accumulo organico su serpentine di raffreddamento e bacinelle di drenaggio. Oltre a migliorare la qualità dell’aria interna, ciò rende la serpentina di raffreddamento più efficiente dal punto di vista energetico eliminando la necessità di pulire la serpentina di raffreddamento con metodi tradizionali. In ambienti sensibili e pubblici, UV-C non viene utilizzato solo per serpentine e vaschette di drenaggio, ma anche per disinfettare il flusso d’aria di virus, batteri e spore fungine presenti nell’aria.

4. Come viene dimensionato un sistema UV-C?

Il sistema PHSI utilizza software proprietario per dimensionare con precisione un sistema UV-C per un’applicazione. Il modello software tiene conto di vari parametri coe il tipo di microrganismo(i), le dimensioni del plenum o della cavità del condotto, la portata del flusso d’aria, la riflettività delle pareti, la temperatura e l’umidità.

5. Quanto tempo impiegano i raggi UV ad uccidere i microrganismi?

La dose UV-C richiesta per inattivare un organismo specifico dipende dal tipo di microrganismo bersaglio, dall’intensità UV-C applicata e dal tempo di esposizione agli UV-C. Il sistema PHS ha un ampio database di valori di dose richiesti per inattivare vari batteri, virus e muffe.

6. I raggi UV-C sono dannosi per l’uomo?

La sovraesposizione ai raggi UV-C può provocare arrossamenti della pelle a breve termine e irritazione agli occhi. I raggi UV-C non provocano danni permanenti alla pelle o agli occhi.

7. Se i raggi UV-C non sono visibili, cosa è la luce blu emessa dalla lampada?

UV-C è la parte invisibile dello spettro luminoso. Il colore blu viene dal gas inerte all’interno della lampadina UV-C. La lampadina può essere accesa (e blu) ma non produce energia UV-C.

8. Come faccio a sapere se le luci UV funzionano?

La potenza delle lampade UV può essere misurata usando un radiometro UV-C. L’efficacia di un sistema UV può essere determinata mediante ispezione visiva delle pentole della bobina e di scarico e campionamento microbico. ASHRAE ha sviluppato standard di prova per valutare l’efficacia dei raggi UV per applicazioni a bobina e flusso d’aria.

9. Quando devo sostituire le lampade?

Si raccomanda di sostituire le lampade UV ogni anno o dopo 8.000 ore di uso continuo. Le lampade possono funzionare a lungo dopo la loro vita utile, ma a intensità ridotta poiché i filamenti della lampada si consumano nel tempo.

10. Come posso smaltire le lampade UV?

Le lampade UV devono essere trattate come le lampade fluorescenti e in conformità con le normative locali, statali o federali.

11. La lampada UV-C sostituisce i metodi tradizionali di pulizia di una stanza con disinfettanti chimici?

No, il dispositivo UV è una tecnologia aggiuntiva utilizzata dopo il completamento della pulizia dei terminali in sale operatorie, unità di terapia intensiva, stanze dei pazienti, aree oncologiche e servizi igienici, ad esempio.

12. I raggi UV-C degradano gli oggetti nella stanza?

Quella UV-C è una luce a lunghezza d’onda corta e non penetra nella maggior parte degli oggetti. La disinfezione delle stanze d’ospedale non accumula tempo di esposizione sufficiente a causare il degrado del materiale.

13. Qualcuno può essere nella stanza durante un ciclo UV-C?

No, UV-C è una tecnologia potente e dovrebbe essere utilizzata solo quando la stanza non è occupata.

14. La stanza può essere occupata immediatamente dopo un ciclo di disinfezione UV-C?

Sì, è perfettamente sicuro entrare nella stanza dopo aver completato il ciclo.

15. Il dispositivo UV-C produce sostanze chimiche o sottoprodotti?

No, tuttavia, esiste un odore particolare che viene creato a causa della rottura dei composti organici volatili presenti nell’aria.

16. Cosa succede quando qualcuno entra nella stanza mentre il dispositivo è in funzione?

Il dispositivo PHS ha sensori a infrarossi e un sistema di riconoscimento delle persone e il sistema si spegne immediatamente.

17. Quanto durano le lampade UV?

L’accensione / spegnimento delle lampade UV alla fine degraderà l’intensità UV. Nell’uso normale, le lampade UV devono essere sostituite ogni anno.

18. Il sistema UVC è efficace?

Sì, i riferimenti scientifici e aneddotici abbondano per l’efficacia di UV-C sia in letteratura che nei rapporti sulle applicazioni sul campo. Dei rapporti del governo, NIOSH, OSHA, CDC, GSA, EPA sono i più notevoli. La scienza nel forum pubblico proviene dall’Università di Cincinnati, dall’Università di Tulsa, dall’Università del Colorado e dalla McGill University (Canada) per citarne alcuni. I due laboratori che conducono test indipendenti e che mostrano risultati molto favorevoli sono ARTI e Battelle. L’elenco di prestigiosi studi sul campo sono troppo numerosi per essere menzionati. L’UVC è utilizzato in tutto il mondo, più negli altri paesi pro capite che negli Stati Uniti. Gran parte di questo più ampio uso è per la disinfezione dell’acqua potabile e il trattamento delle acque reflue nel trattamento delle acque reflue.

19. Cosa significa UV “C” o UV “GI”??

Le lettere “UV” si riferiscono allo spettro di lunghezze d’onda magnetiche noto come luce ultravioletta. Questo spettro è più spesso suddiviso in quattro categorie: vuoto, onde corte, onde medie e onde lunghe ‘o VUV, UVC, UVB e UVA. UVC è la frequenza più germicida e il termine UVGI si riferisce a “Irradiazione germicida ultravioletta” utilizzata da agenzie federali come OSHA, NIOSH, GSA, EPA e CDC quando si fa riferimento direttamente a UVC.

20. Le lampade UV-C producono ozono?

Non le lampade UV-C ma quelle di tipo UV-V. L’UVC fornisce un condizionamento dell’aria eccezionale, proprio come il sole fa all’aperto. Gli apparecchi UVC sono un componente per il condizionamento dell’aria che si aggiunge alle altre parti del sistema. Questi includono filtri, bobina, nucleo di riscaldamento, ventola, serrande, umidificatori, ecc. Tutti sono progettati per fornire una funzione specifica nel lavoro di trattamento dell’aria per gli spazi occupati.

21. Come vengono smaltite le lampade usate??

Attualmente, la maggior parte degli utenti li smaltirebbe come qualsiasi spazzatura di vetro, come le loro lampade fluorescenti! I grandi utenti di lampade fluorescenti seguono le linee guida EPA e di stato e le lampade UV-C rientrerebbero quindi in quelle stesse linee guida. Se è in atto un programma di smaltimento delle lampade fluorescenti, le lampade UV-C rientrerebbero semplicemente nello stesso programma.

22. Le lampade devono essere pulite?

Le lampade UV solitamente degradano i detriti organici comuni che potrebbero accumularsi sulla superficie del tubo; pertanto, di solito non è richiesta una pulizia periodica.

23. Come vengono pulite le lampade quando necessario?

La pulizia potrebbe essere necessaria se una lampada è stata esposta a qualsiasi forma di acqua dura, alti livelli di detriti organici umidi o qualsiasi forma di olio (ad esempio olio per il corpo). L’aceto può essere utilizzato per depositi minerali e alcool puro e un panno privo di lanugine per olio. I detergenti comunemente disponibili dovrebbero funzionare bene se non lasciano residui.

24. Che cos’è l’inattivazione?

Per muffe e batteri, dosi di energia UVC potrebbero non causare la morte cellulare immediata ma il microbo potrebbe essere “inattivato”. Ciò che si intende con questo è che mentre può ancora esistere qualche attività biologica, la replicazione cellulare è impossibile; il microbo non è più praticabile. Semplicemente, il microbo soggetto non può moltiplicarsi, rendendolo innocuo! Inoltre, piccole dosi di UV-C nel tempo hanno dimostrato di accelerare la morte cellulare. Poiché le particelle virali non sono una forma di vita, dipendiamo esclusivamente dall’inattivazione per liberarci del loro danno incombente.

25. Se non riesco a vedere l’energia UVC, cosa vedo?

Circa il 90% dell’energia generata da una lampada UV-C è in realtà energia UVC. Il resto è luce visibile (tonalità blu) e una piccola quantità di infrarossi (calore). Data la luminosità delle lampade UV-C, quel 3-4% della luce visibile dà un’idea della quantità di energia UVC prodotta da una lampada.

26. Se vedo il blu la lampada funziona?

Non necessariamente, il colore blu proviene da un gas inerte all’interno della lampada che non produce UVC. La lampada può essere accesa (blu) ma non produce molto, se c’è energia UV-C. Questo sarebbe un indicatore scadente.

27. I raggi UVC possono uccidere gli acari della polvere?

Non ci sono prove che una dose UV-C adatta per una determinata uccisione di microbi abbia alcun effetto sugli acari della polvere. Un’energia UVC molto elevata o un’esposizione a lungo termine ai raggi UV-C dovrebbero interrompere alcune delle funzioni biologiche dell’acaro, che possono portare alla morte. Tuttavia, non ci sono prove che gli acari della polvere vivano nelle condotte dell’aria condizionata.

28. E’ consentito guardare il dispositivo attraverso una finestra mentre è in funzione?

Sì. Le onde UV-C non possono penetrare attraverso il vetro. Pertanto, è sicuro di essere dall’altra parte di una finestra o parete.

29. L’ombreggiatura o le ombre nella stanza influiscono sull’efficacia di PHS?

Studi in letteratura mostrano che la concentrazione di agenti patogeni, il carico organico e l’ombreggiatura dal campo diretto di radiazione non hanno ridotto l’efficacia di PHS. Tuttavia, si consiglia di far funzionare il robot in più posizioni in una stanza per massimizzare il numero di superfici che sono direttamente esposte a Full Spectrum UV-C e per ridurre al minimo la dipendenza dalla riflettività della superficie che varia da stanza a stanza e da superficie a superficie. Le tecnologie storiche UV-C che sono state utilizzate in una sola posizione nella stanza non hanno ottenuto le riduzioni multiple dei tassi C.diff e MRSA che gli ospedali che utilizzano le stesse tecnologie hanno riportato nelle riviste peer-reviewed.

30. Quanto dura la disinfezione?

Dopo la disinfezione, la stanza rimarrà a carico microbico molto basso fino a quando nuovi agenti patogeni entrano nella stanza da un visitatore, un paziente, un fornitore di cure o il sistema di trattamento dell’aria. Un ospedale non ha bisogno di ripetere la procedura di decontaminazione del PHS in una stanza adeguatamente pulita e disinfettata fintanto che non si è verificata una nuova contaminazione.

31. Qual è l’efficacia del PHS contro gli endospore come i ceppi di C. diff e bacillus?

L’intensità UV-C dei robot PHS consente la disattivazione delle endospore in 5 minuti! Ciò è stato dimostrato in studi di laboratorio, studi sull’ambiente ospedaliero e convalidato in studi sugli esiti che dimostrano riduzioni dei tassi di C. diff segnalati da diversi ospedali che utilizzano le stesse tecnologie.

32. Perché i meccanismi di riparazione cellulare non possono superare il danno UV-C?

Il danno causato da PHS arresta i meccanismi di riparazione del DNA per la maggior parte dei patogeni in meno di 5 minuti. Inoltre, PHS produce lunghezze d’onda di energia più elevate rispetto ad altre fonti UV che provocano danni alle strutture della cellula, comprese le pareti cellulari rotte.

33. Qual è la differenza tra una luce nera e una luce blu?

Una “luce nera” è un tubo di luce fluorescente che emette a circa 365 nm – questo è appena sotto le lunghezze d’onda che gli umani possono vedere, ma è assorbito dalla maggior parte dei pigmenti nei vestiti in modo che “fluorescano”. Questo è l’effetto visto in molti bar e discoteche. Non sono sicuro di cosa significhi “luce blu” – forse vuoi dire lampada al mercurio a bassa pressione “germicida”. Si illuminano di “blu”, ma la maggior parte della loro produzione è a 254 nm, quindi NON guardare direttamente a tale lampada quando è in funzione. Queste lampade sono utilizzate nella disinfezione di aria e acqua, poiché la luce a 254 nm viene assorbita dal DNA in batteri e virus causandone l’inattivazione.

34. È possibile utilizzare lampade UV per proteggere i lavoratori delle poste dalla minaccia terroristica della contaminazione da posta di antrace?

Si sa molto poco dell’inattivazione delle spore di antrace da parte della luce ultravioletta nell’aria. Si dovrebbe disporre che l’irradiazione UV sia sufficientemente elevata da consentire alle spore di ricevere una dose UV sufficiente. Se si dovesse istituire un simile accordo, dovrebbero esserci delle misure di sicurezza per evitare di esporre gli occhi dei lavoratori ai raggi UV e anche i lavoratori dovrebbero indossare guanti in lattice per impedire ai raggi UV di esporre la pelle dei lavoratori.

35. Quando la radiazione ultravioletta (UV) viene utilizzata per trattare l’acqua, l’acqua diventa radioattiva?

L’ultravioletto è “luce” – non puoi vederlo perché i nostri occhi non sono sensibili ai raggi UV; tuttavia, è una forma di luce con lunghezze d’onda oltre l’estremità “viola” (da cui il termine “ultravioletto”) dello spettro arcobaleno. Poiché i raggi UV sono “luce”, viaggiano attraverso l’aria e l’acqua alla velocità della luce e quando la sorgente UV viene spenta, i raggi UV scompaiono. Non ci sono “residui” e l’acqua che è stata esposta ai raggi UV è la stessa di prima dell’esposizione, e certamente l’acqua non è “radioattiva”. È come illuminare una luce brillante in un bicchiere d’acqua. Penso che accetti che quando spegni la luce, l’acqua non è cambiata.
Le unità di disinfezione dell’acqua UV sono progettate per fornire una sufficiente “dose UV” in modo che tutti i microrganismi patogeni presenti nell’acqua siano resi “inattivi”. Quello che succede è che l’UV è assorbito dal DNA nei microrganismi; il DNA è danneggiato in modo che il microrganismo non possa riprodursi. Le cellule che non possono riprodursi non possono causare malattie. La cosa bella di UV è che fa il suo lavoro mentre l’acqua passa attraverso l’unità, ma dopo che l’acqua è passata, è stata “disinfettata”, ma la sua “qualità dell’acqua” non è cambiata.

36. Per purificare l’acqua occorrono 1/100 di watt-secondo per cm quadrato usando UV a 254 nm. Qual è il dosaggio per l’aria?

La maggior parte degli enti regolatori ora specifica una fluenza o una dose UV di 40 mJ/cm2 per assicurare l’inattivazione di almeno 4 tronchi di microrganismi patogeni. Poiché la fluenza o la dose UV applicata è indipendente dal mezzo, questo requisito si applicherebbe anche all’aria. Tuttavia, non sono ancora a conoscenza di alcuna normativa relativa al trattamento dell’aria UV.

37. Volendo impiegare un bulbo germicida UV per disinfettare oggetti in PVC, quale effetto avrebbe la luce UV sul PVC?

Il PVC (polivinilcloruro) blocca (o assorbe totalmente) la luce ultravioletta da 254 nm proveniente da una lampada UV “germicida”. Pertanto, qualsiasi oggetto all’interno di un contenitore in PVC non sarebbe affatto disinfettato da una lampada UV germicida all’esterno del contenitore in PVC. Alla fine, il PVC si degraderà a causa dell’attacco fotochimico da parte della luce ultravioletta.
Alcuni tipi di polietilene trasparente e teflon sono trasparenti a 254 nm, ma solo per uno strato sottile.

38. Tutte le lampade UVC contengono mercurio per essere germicide? Tutte le lampade UVC producono un odore di ozono?

La maggior parte delle lampade UV utilizzate per la disinfezione UV contengono mercurio. Nel caso di lampade a bassa pressione, sono presenti solo pochi milligrammi di mercurio. Nel caso di lampade a media pressione, che hanno una potenza molto più elevata, sono presenti alcuni grammi.
Le lampade a bassa e media pressione generano ozono se hanno un involucro di quarzo molto puro (sintetico), che consente all’emissione di mercurio di 185 nm di entrare nell’aria. Questa luce UV viene assorbita dall’ossigeno nell’aria per generare ozono. La maggior parte delle lampade UV sono realizzate con una forma di quarzo che contiene impurità che assorbono completamente l’emissione di 185 nm, in modo da non produrre ozono.

39. Che cos’è UVV?

La luce UVV si riferisce a un’altra lunghezza d’onda nello spettro ultravioletto. Alcuni dispositivi UV-C producono anche luce in questa lunghezza d’onda. I produttori di questi dispositivi promuovono l’UVV come uno strumento aggiuntivo per il controllo IAQ, affermando che l’UVV attacca microrganismi, sostanze chimiche e odori. Anche se questo può essere vero, è importante capire che i raggi UVV (a differenza dei raggi UV-C) “attaccano” anche gli occupanti negli spazi trattati con effetti negativi sui polmoni umani!
La ragione di ciò è che la lunghezza d’onda più corta (185 nanometri) della luce UVV genera effettivamente ozono. Ciò si verifica perché la luce UVV reagisce con l’ossigeno per trasformarlo in ossigeno atomico, un atomo altamente instabile che si combina con l’ossigeno per formare O3 (ozono). L’American Lung Association afferma che “l’esposizione all’ozono provoca una varietà di effetti negativi sulla salute, anche a livelli inferiori allo standard attuale”. E la Food & Drug Administration statunitense afferma: “Affinché l’ozono sia efficace come germicida, deve essere presente in una concentrazione molto maggiore di quella che può essere tranquillamente tollerata dall’uomo e dagli animali”. La lunghezza d’onda più lunga (254 nanometri) della luce UV-C, al contrario, fornisce un’efficace disinfezione di aria, superficie e acqua senza produrre ozono dannoso.
I materiali e i metodi di costruzione della lampada UV-C determinano se un determinato dispositivo UV-C produrrà luce UV-C e UVV o solo la lunghezza d’onda UV-C più sicura. I dispositivi Bio-Shield UV-C non producono alcun UVV.

40. Il trattamento UV è un metodo comprovato di distruzione dell’ozono. Perché è così importante per l’industria delle bevande?

Le aziende produttrici di bevande utilizzano ozono residuo nei loro sistemi idrici per disinfettare e disinfettare i serbatoi di stoccaggio, l’impianto idraulico e le pompe e per garantire che rimangano privi di batteri. L’ozono residuo deve essere distrutto prima del contatto con il prodotto in modo da non contaminarlo. L’UV è l’ideale perché è un processo non chimico ed è veloce.

41. Come funziona l’ozono?

Il terzo atomo di ossigeno dell’ozono è estremamente reattivo perché è instabile. Questo atomo si attacca facilmente ad altre molecole di odore. Quando contaminanti come odori, batteri o virus entrano in contatto con l’ozono, la loro struttura chimica viene modificata in composti meno odorosi. Mentre più ozono attacca i composti rimanenti, l’odore viene infine distrutto. Questo processo si chiama ossidazione. L’ozono ritorna essenzialmente all’ossigeno dopo essere stato utilizzato. Questo lo rende un ossidante molto ecologico.

42. Quanto dura l’ozono?

Non appena l’ozono si forma in un generatore e si disperde in una stanza, parte di esso ritorna in ossigeno (O2). Questo passaggio si verifica in diversi processi, tra cui i seguenti:
(i) l’ossidazione reagisce con un materiale organico come odori o fumo. (i) reazioni con batteri ecc., che consumano nuovamente ozono per reazioni di ossidazione.
Inoltre, l’ozono si rompe termicamente. Temperature più elevate distruggono l’ozono più rapidamente delle temperature più basse. L’ozono che rimane viene definito ozono residuo. L’ozono “residuo” creato tornerà all’ossigeno solitamente entro 30 minuti, in quantità pari alla metà del suo livello. Ciò significa che dopo ogni successivo periodo di 30 minuti alla fine del periodo rimarrebbe la metà dell’ozono residuo che era presente all’inizio del periodo. Questo è simile a una progressione geometrica di 16; 8; 4; 2; 1. In pratica, l’emivita è generalmente inferiore a 30 minuti a causa della temperatura, polvere e altri contaminanti nell’aria.
Pertanto, l’ozono, sebbene molto potente, non dura a lungo. Fa il suo lavoro e poi scompare nuovamente in ossigeno sicuro.

43. Qual è la posizione giusta?

La dose UVC ricevuta in una sala normalmente equipaggiata dopo la decontaminazione con un’unità mobile che emette UVC varia a seconda della distanza tra la sorgente luminosa e l’area irradiata e qualsiasi oggetto tra quelle ombre. Bisogna assicurare che sia stata ricevuta una dose adeguata in zone ombreggiate e / o critiche. Gli indicatori monouso possono aiutare a garantire che sia stata ricevuta una dose adeguata.


Le lampade PHS e altre luci UVC non misurate, sebbene possano usare lampade UVC, non hanno modo di calcolare la dose UVC necessaria per ogni posizione per determinare il posizionamento o il tempo necessario per disinfettare accuratamente, né possono raggiungere superfici ombreggiate o nascoste.
All’aumentare della distanza dalla lampada, l’efficacia contro i microrganismi diminuisce drasticamente, richiedendo un posizionamento multiplo nella stanza per ottenere una disinfezione anche parziale.

PHS è un sistema automatizzato a gestione remota che si autoregola in base alle dimensioni e alla dinamica dei contenuti di una stanza per fornire la giusta dose di luce UVC. La tecnologia PHS utilizza lo strumento per misurare la luce UVC in modo combinato che viene deviato in aree ombreggiate e indirette per una disinfezione terminale. Quando l’energia viene deviata intorno alla stanza, vengono raggiunte le aree in ombra e gli agenti patogeni vengono eliminati garantendo un risultato di disinfezione completo, ogni volta.

44. Qual è il giusto livello di ozono?

Il giusto livello di ozono è quando viene consumato tutto l’ozono generato. Questo vale solo per l’uso continuo di ozono in ambienti occupati, non per il trattamento degli shock. Tuttavia, questo è difficile da ottenere perché diventa un atto di bilanciamento. Inizialmente l’output della macchina è impostato in modo da eliminare l’odore del problema il più rapidamente possibile. Mentre questo viene realizzato, è necessario meno ozono per l’odore decrescente, ecc., Lasciando così dell’ozono residuo nell’aria. Se l’uscita della macchina non viene abbassata, rimarrà più ozono residuo. Se si nota un forte odore di ozono, allora è presente più ozono di quanto sia necessario. Basta abbassare il reostato (controllo del livello di uscita). Con l’ozono, di più non è considerato migliore. Nota: non è necessario che l’ozono venga rilevato dall’uomo per essere efficace. L’ozono può funzionare anche quando gli umani non sono in grado di annusarlo.

45. L’ozono è dannoso e quali sono gli effetti a lungo termine?

Diverse agenzie di regolamentazione, tra cui l’Amministrazione della sicurezza e della salute sul lavoro (OSHA), hanno stabilito che il livello di sicurezza residuo consentito è di 0,1 ppm (parti per milione). Si noti che questo livello consentito è per un’esposizione continua per un’intera giornata di 8 ore. Gli effetti temporanei di un’esposizione così bassa vanno dal mal di testa, al mal di gola e all’irritazione degli occhi e del naso. Nessun effetto a lungo termine è mai stato documentato dall’esposizione all’ozono.

46. In che modo l’ozono uccide i batteri?

L’ozono uccide i batteri distruggendo la parete cellulare dei batteri. Una volta distrutta la parete cellulare, i batteri non saranno in grado di sopravvivere.

47. Per essere efficaci, quanto devono essere vicini alla superficie?

L’esposizione dell’ultravioletto germicida è il prodotto del tempo e dell’intensità. Elevate intensità per un breve periodo e basse intensità per un lungo periodo sono fondamentalmente uguali nell’azione letale sui batteri. La legge del quadrato inverso si applica all’ultravioletto germicida così come alla luce: il potere di uccisione diminuisce all’aumentare della distanza dalle lampade. Il batterio medio verrà ucciso in dieci secondi a una distanza di sei pollici dalla lampada.

48. Come si calcola la radiazione ultravioletta?

L’intensità della radiazione UV viene misurata in unità di milliwatt per centimetro quadrato (mW / cm2) che è l’energia per centimetro quadrato ricevuta al secondo. Inoltre, viene misurato in unità di millijoule per centimetro quadrato (mJ / cm2), che è l’energia ricevuta per unità di superficie in un dato tempo.

49. Ho bisogno di lampade che producono ozono?

Dipende dalle tue esigenze particolari. Il più delle volte non è necessario l’ozono, a meno che non ci siano aree ombreggiate che la luce UVC non può raggiungere. L’ozono aiuta a “trasportare” la radiazione ultravioletta nell’aria dove normalmente non può raggiungere direttamente.

50. Quando devo utilizzare lampade che producono ozono?

Le lampade germicide UVC generano energia a 185 nanometri e 254 nm. Questa emissione UVC produce abbondanti quantità di ozono nell’aria. L’ozono è un ossidante estremamente attivo e distrugge i microrganismi a contatto. L’ozono funge anche da deodorante. Un altro vantaggio è che può essere trasportato dall’aria in luoghi che la radiazione UVC non può raggiungere direttamente.

51. Quali effetti ha la luce UV sui materiali circostanti?

L’esposizione a lungo termine della luce UVC germicida alla plastica riduce la durata di conservazione della plastica di circa il 10%. Esempio: se la plastica dura normalmente circa dieci anni ed è esposta alla luce germicida UVC per tutto il tempo, probabilmente dovrebbe essere sostituita in 9 anni. La vita delle piante può essere danneggiata da raggi ultravioletti germicidi diretti o riflessi. Coloranti e colori transitori possono essere sbiaditi da un’esposizione prolungata ai raggi ultravioletti.

52. L’UVC germicida può penetrare nelle superfici o nelle sostanze?

No – germicida UVC sterilizza solo ciò con cui viene a contatto.

53. Come si determina la metratura che coprirà una lampada UVC germicida?

Questo è determinato dalla potenza della lampada. Esempio: una lampada da 15 watt coprirà circa 100 piedi quadrati; una lampada da 30 watt coprirà circa 60 piedi quadrati (60,96 metri).

54. Le lampade hanno bisogno di un alimentatore per funzionare?

Sì: una lampada germicida fa parte di un sistema e il sistema non può essere completamente definito e ottimizzato se non viene determinata la combinazione lampada e reattore. È l’interazione tra lampada e reattore che è il vero fattore determinante delle prestazioni del sistema.

55. Di quanta intensità ho bisogno per uccidere determinati organismi?

L’esposizione dell’ultravioletto germicida è il prodotto del tempo e dell’intensità. Elevate intensità per un breve periodo e basse intensità per un lungo periodo sono fondamentalmente uguali nell’azione letale sui batteri. La legge del quadrato inverso si applica all’ultravioletto germicida così come alla luce: il potere di uccisione diminuisce all’aumentare della distanza dalle lampade. Il batterio medio verrà ucciso in dieci secondi a una distanza di sei pollici dalla lampada.

56. Le lampade UVC devono essere pulite?

Sì – a seconda dell’ambiente circostante, le lampade UVC devono essere controllate periodicamente (circa ogni tre mesi) e possono essere pulite con un panno di cotone asciutto o un tovagliolo di carta. Indossare guanti di gomma e pulire solo con alcool. Ciò contribuirà anche a massimizzare la durata della lampada.

57. L’UV germicida si prenderà cura della muffa?

Sì. Le lampade germicide UVC uccideranno fino al 99,9% di muffa e aiuteranno a prevenire la crescita futura della muffa.

58. Le lampade germicide uccidono i virus?

Sì, le lampade UVC germicide uccidono fino al 99,9% della maggior parte dei virus, batteri dispersi nell’aria e spore di muffe.